trecenta in pillole

i gorghi

home page

dove siamo

notizie storiche

il territorio

i gorghi

palazzi e chiese

personaggi illustri

ricettivitÓ

percorsi turistici

 

 

 

 

 

I "GORGHI"  di Trecenta   

SITI RICONOSCIUTI TRA LE BELLEZZE NATURALI PROTETTE DALLA COMUNITAĺ EUROPEA. 

Indirizzo e localitÓ:    DISLOCATI SUL TERRITORIO (CAPOLUOGO E FRAZIONI DI SARIANO E PISSATOLA)

 L'esclusivitÓ del comprensorio di Trecenta Ŕ rappresentata dai "Gorghi", cavitÓ naturali, che alimentate dalle sorgive di un vecchio alveo del Po, hanno creato piccoli laghetti in un ambiente particolarmente ricco di vegetazione, piante acquatiche e fauna.
 Partendo dal Capoluogo e percorrendo via R. Sanzio che conduce a Sariano, si possono ammirare 6 Gorghi di Trecenta: Gorgo Bottazza (documentato fin dall'inizio dello scorso secolo) e Gorgo GÓspera - adibiti recentemente ad itticoltura, Gorghi Mag˛n (situati a poco pi¨ di I,5 km. a Ovest del paese, sono specchi d'acqua isolati dal bacino principale detto Gorgo Bianco, che Ŕ profondo ben 13 metri), Gorgo della Sposa (il pi¨ grande nei territori di Rovigo e Ferrara, diviso in due bacini, di cui quello settentrionale supera la profonditÓ di 12 metri; il suo nome deriva da una leggenda che narra la storia di una fanciulla innamorata di un giovane bello e povero, la quale vi trova la morte gettandosi dalla carrozza che la stava conducendo alle nozze con un ricco signore impostole dalla famiglia), Gorgo Z¨colo (il pi¨ piccolo e degradato) e Gorgo Magherino (situato a 3,5 km. da Ceneselli, Ŕ stato oggetto di lavori di bonifica fra il 1609 ed il1625 per conto del Marchese E. Bentivoglio). Il settimo, detto Gorgo Malopera, Ŕ situato nella frazione di Pissatola.
Nel 1989 i Gorghi sono stati inseriti dalla Regione Veneto fra le zone protette, ex legge n. 1497/1939 (ad esclusione dei Gorgo Magherino, che attualmente non risulta vincolato).